L’importanza del gioco per il bambino.

Il gioco, per i bambini, è un modo per scoprire il mondo.

Soprattutto quelli di movimento consentono ai piccoli di entrare in relazione con loro stessi e la realtà. Inoltre, acquisiscono nuove abilità, imparano a coordinare i gesti, a migliorare l’equilibrio e ad evitare movimenti inutili. Soprattutto dai 2 anni in su i giochi di movimento favoriscono percezione del proprio corpo, equilibrio e coordinazione, orientamento spaziale, attenzione, fondamentali per acquisire competenze prescolastiche per l’apprendimento.

Nel gioco, inoltre, i bambini sviluppano le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali. Diventa strumento necessario poiché li aiuta a sviluppare la creatività, a sperimentare le capacità cognitive, gli dà modo di poter entrare in relazione con i loro pari, dà vita allo sviluppo della loro personalità.

Il gioco è strettamente collegato allo sviluppo psicomotorio del bambino, lo influenza e ne è, a sua volta, influenzato. Negli anni si sviluppa in parallelo allo sviluppo del bambino, seguendone le tappe di maturazione. Giocare, dunque, per i bambini è importantissimo.

È opportuno privilegiare giochi che potenzino la motricità fine, ossia il controllo motorio sui piccoli movimenti delle mani, delle dita, dei muscoli del viso, della bocca e dei piedi. La psicomotricità è una disciplina che aiuta a sviluppare l’equilibrio personale e armonizzare le diverse aree di sviluppo del bambino. Inoltre riconosce ai bambini una grande libertà di azione nello spazio del gioco: è possibile sperimentare da soli, ma anche riconoscersi nel gioco del compagno, imitandolo.

Il mezzo principale con cui i bambini ci parlano di loro e ci raccontano la loro storia è proprio il gioco, grazie al quale essi allenano la sfera emotiva, cognitiva, motoria e relazionale.

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter per te in regalo 1ora di gioco gratuito al Dipark

 

Per informazioni su come vengono trattati i tuoi dati consulta la nostra policy privacy.

it_ITItalian